Visualizza articoli per tag: verdicchio classico

Siamo nelle Marche in provincia di Ancona dove, precisamente a Montecarotto, si trovano le cantine Moncaro "Terre Cortesi", azienda che riesce, da tempo, a coniugare quantità e qualità. Ne è la riprova il Verde Ca' Ruptae di cui l'azienda ne produce circa 90.000 bottiglie all'anno. Il Verde Ca’ Ruptae nasce dalle uve Verdicchio di 3 vigneti selezionati fra i comuni di Serra de’ Conti in contrada San Martino, Montecarotto in contrada San Lorenzo e Castelplanio in contrada Piagge, all’interno dell’area classica di produzione del Verdicchio. Qui il suolo di origine sedimentario marino alluvionale, garantisce la presenza di argilla e sabbia. Le esposizioni sono ben assolate e l'altitudine dei terreni, poco pendenti, compresa tra i 250 ed i 350 metri. Le uve sono raccolte a mano con attenta selezione dei grappoli. Il processo di vinificazione prevede la macerazione a freddo del mosto sulle bucce, la pressatura soffice e la fermentazione a temperatura controllata con lieviti autoctoni selezionati. Il vino matura in serbatoi di acciaio inox sulle fecce fini di fermentazione per un periodo di 4 mesi, ed è questo il punto di forza di questo verdicchio. Infatti la maturazione "sur lie" gli dona complessità e struttura. Alla vista si presenta con un vivace colore giallo paglierino con riflessi di verde e di oro. Ottima la consistenza. Al naso è intenso e complesso. Si percepiscono erbe aromatiche, frutti bianchi, fiori gialli ed un leggero sentore fragrante di crosta di pane. Al gusto è secco e morbido, fresco e di buona sapidità, equilibrato e di ottima struttura coadiuvata dalla componente alcolica (13,5%).

Pubblicato in Degustazioni
Etichettato sotto

Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità definita. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Alcune immagini presenti su questo sito sono state reperite su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità o chiederne l'eliminazione, scriva a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.