Visualizza articoli per tag: roccanova

Mercoledì, 16 Marzo 2016 15:09

Zone di produzione in Basilicata

Nella mappa sono indicate le principali zone di produzione del vino in Basilicata.

La coltivazione della vite in Basilicata ha origini antichissime; testimonianze della sua coltura ci conducono agli Enotri e poi ai Lucani, antichi popoli che abitarono l'Italia meridionale fin dal 1200 - 1300 A.C.. Documenti storici affermano che l'Enotria, parte dell'attuale Basilicata, venne definita tale dai coloni greci che a partire dal VII sec. a. C. giunsero sulle nostre coste e che subito poterono constatare la presenza dei tanti vigneti e la prelibatezza del buon vino prodotto in zona.
I Greci furono portatori di nuove conoscenze infatti si deve ad essi l'introduzione di nuove varietà e forme di allevamento, come l'alberello, ancora oggi molto usato in diverse zone della Basilicata.
La tradizione vinicola della regione trova conferma anche nell'epoca romana grazie alle citazioni di Plinio e Stradone e alle numerose testimonianze e reperti di quell'epoca che documentano la presenza della vite e l'eccellente qualità dei vini ottenuti.

Ma quali sono oggi le zone di produzione di maggior rilievo?

Innanzitutto le colline del Vulture (1300 m. s.l.m.), un antico vulcano spento totalmente ricoperto di vegetazione e di colture, in particolare castagneti, uliveti e vigneti. L’ area è costituita da molte sorgenti minerali d’ acqua (i laghi di Monticchio), che conferiscono a questa parte della Basilicata settentrionale un paesaggio dalle caratteristiche uniche. Qui i terreni vulcanici, ricchi di potassio, determinano le condizioni ottimali per la coltivazione della vite. È qui che si coltiva l’aglianico, il vitigno autoctono della Basilicata, e si produce una delle perle enologiche italiane riconosciuto dalla DOC "Aglianico del Vulture" che comprende 15 comuni a nord-est della regione. In questo territorio la forma di allevamento più diffusa è il guyot, ancora presente in minima parte il cordone speronato, mentre l'alberello è ormai limitato solo a piccole superfici. Oltre all'Aglianico sono presenti nella zona, in piccola parte, altri vitigni come l'Aglianicone, la Malvasia nera della Basilicata, la Malvasia bianca della Basilicata, ed il Moscato bianco di Basilicata.

Pubblicato in Enografia

Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità definita. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Alcune immagini presenti su questo sito sono state reperite su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità o chiederne l'eliminazione, scriva a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.