Visualizza articoli per tag: lambrusco

Venerdì, 05 Maggio 2017 12:09

Wine Fitness sul Lambrusco

Nuovo appuntamento Wine Fitness, la palestra dei sensi degli Enodegustatori Campani, stavolta dedicato al Lambrusco ed in particolare alla varietà "Lambrusco di Sorbara". Esistono differenti varietà di Lambrusco, delle cui origini ho parlato in questo post, ma in questa serata è stata posta l'attenzione su quello coltivato in provincia di Modena e precisamente nel territorio di Bomporto. Il comune si trova nella zona classica e storicamente più vocata, compresa tra i fiumi Panaro e Secchia. In quest'area i terreni sono di carattere prevalentemente alluvionale, caratterizzati da suoli sabbiosi, generati da antichi depositi fluviali. Il Lambrusco di Sorbara produce grappoli spargoli, che spesso presentano il fenomeno dell’acinellatura, ovvero della mancata fecondazione di molti acini. Una caratteristica che può provocare perdite di prodotto e, quindi,  rese scarse, ma che favorisce alti livelli qualitativi delle uve sane. Da questa particolare caratteristica del vitigno Lambrusco di Sorbara ne deriva, generalmente, la produzione di vini di maggior pregio rispetto ad altri tipi di Lambrusco. I vini ottenuti dalla varietà "Lambrusco di Sorbara" si distinguono per il colore, generalmente meno carico, e per il corpo più debole. Di seguito i vini degustati nel corso della serata.

Pubblicato in Eventi
Etichettato sotto
Sabato, 22 Aprile 2017 00:04

Il Lambrusco

Con il termine Lambrusco si identifica in realtà non uno ma una famiglia di vitigni a bacca rossa, dai quali si ottengono differenti varietà di vino, coltivati prevalentemente in Emilia Romagna ma presenti anche in altre zone d’Italia come la Lombardia, il Trentino, il Veneto e la Puglia.
Le origini del Lambrusco sono antichissime e sono riportate in tantissime testimonianze scritte di famosi poeti e scrittori dell'antica Roma (potevano mai mancare? :-) ) , tra cui Virgilio, Plinio il Vecchio e Catone che, nello specifico, raccontano di una "Lambrusca Vitis", ovvero di una vite selvatica che produceva frutti dal gusto aspro e che cresceva ai margini delle campagne. Sembrerebbe essere proprio questa l’etimologia della parola Lambrusco, che pare derivi da labrum (margine dei campi) e ruscum (pianta spontanea).
Alle origini, pertanto, c’è la vite selvatica e spontanea dalla cui domesticazione hanno avuto origine tutta una famiglia di vitigni, che vengono generalmente indicati come "Lambruschi".

Pubblicato in Viti e territorio
Etichettato sotto

Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità definita. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Alcune immagini presenti su questo sito sono state reperite su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità o chiederne l'eliminazione, scriva a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.