Venerdì, 23 Luglio 2021 17:43

Ricucc’ Atina Cabernet DOC 2017 Masseria Barone

Scritto da

I vini Atina DOC sono prodotti in provincia di Frosinone, nella Valle di Comino e sulle colline circostanti. I vigneti sono compresi tra i 70 e i 600 m s.l.m. con pendenza variabile. L'esposizione generale è verso ovest, sud-ovest. Ad Atina il cabernet è storia, una storia iniziata nell’800 con Pasquale Visocchi che importò questo e altri noti vitigni francesi nella Valle di Comino. Su quei terreni, in particolare quelli collinari tra i 400 ed i 500 metri d’altitudine e con quella esposizione non fu difficile ottenere vini migliori rispetto a quelli ottenuti con vitigni autoctoni. Quindi è facile comprendere che i cabernet ed altri vitigni francesi sono presenti e si sono acclimatati nella Val Comino ormai da 150 anni.

Proprio su una parte dei terreni appartenuti alla famiglia Visocchi nasce nel 2007 Masseria Barone. L’azienda produce tre vini dagli unici due vitigni impiantati, il Cabernet Sauvignon e il Merlot. Il Ricucc’, in onore del nonno Enrico, è un blend di Cabernet e Merlot, rispettivamente 85% e 15%. Il colore è rosso rubino carico. Al naso le prime a colpire sono le note speziate, pepe e paprika in particolare. Poi frutta rossa matura e note floreali con sentori di viola. Ma c’è anche pomodoro secco e una nota erbacea quasi di fieno e un po’ di tabacco. In bocca risulta caldo, morbido, fresco e sapido, è proprio un vino saporito. Di buona struttura, i tannini risultano ancora ben presenti ma non spigolosi bensì vellutati. Ottima la bevibilità. Da abbinare a carne e formaggi ma anche a salsicce secche e soppressate.
Letto 77 volte
Altro in questa categoria: « Rosso di Montalcino DOC 2016 Fattoi

Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità definita. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

Alcune immagini presenti su questo sito sono state reperite su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità o chiederne l'eliminazione, scriva a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.