Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie premi il tasto Maggiori info

Call now » 3337451218

     

Wine Fitness sul Fiano del Cilento

Mercoledì, 05 Luglio 2017 14:58 Scritto da 

Si è svolto giovedi 29 giugno 2017, presso il ristorante pizzeria "La Frasca" a Pozzuoli, un nuovo appuntamento Wine Fitness, la palestra dei sensi degli Enodegustatori Campani. Riflettori puntati, questa volta, sui vini ottenuti da uve fiano coltivate nel Cilento, zona in cui, grazie alla sua ottima versatilità, il vitigno fiano ben si è adattato. La conferma è arrivata dall'assaggio dei cinque vini previsti in degustazione. Cinque vini di cinque diverse aziende prodotti in cinque posti diversi.

Primo vino della serata il "Donnaluna" 2016 dell'azienda Viticoltori De Conciliis, marchio che ha segnato la storia della moderna viticoltura cilentana. L'azienda ha sede a Prignano Cilento e le vigne sono collocate in quattro corpi separati: tre, condotti secondo i principi dell'agricoltura biologica, sulle colline che circondano Agropoli e precisamente nei comuni di Prignano, Torchiara e della stessa Agropoli, ad un’altezza media di circa duecentocinquanta metri. Mentre un quarto lotto è posizionato nel comune di Morigerati, a ridosso del confine con la Basilicata, a circa ottocento metri di altezza, dove si alleva con metodo biodinamico soltanto il fiano. Il "Donnaluna" è ottenuto dalle uve di fiano, raccolte al mattino presto da sei differenti vigneti sulle colline che circondano Agropoli, lasciate macerare per qualche ora a freddo, per poi essere fatte fermentare in acciaio. Segue affinamento per quattro mesi sempre in acciaio. Viene prodotto in circa 20'000 bottiglie l'anno. Note degustative: Bottiglia leggermente sottotono rispetto agli standard del "Donnaluna". Naso un pò debole, anche se comunque delicato e fine, sorso strutturato e di buona persistenza.

A seguire è stato servito il "Kràtos" 2016 di Luigi Maffini. L'azienda ha sede a Giungano,  i vini sono frutto di due vigneti, coltivati nel rispetto dei principi dell’agricoltura biologica: quello storico di Castellabate vicino al mare e quello di Giungano in collina. Le uve da cui si ottiene il Kràtos provengono da diverse parcelle site sia nel vigneto di Castellabate che in quello di Giungano. Le uve fermentano alla temperatura controllata di 16 °C in vasche d’acciaio inox, dove rimangono poi ad affinare per circa 3-4 mesi prima di venire imbottigliate. Note degustative: Il Kràtos è sempre una certezza. Naso ricco, sorso fresco e pulito, beva piacevole e veloce; vino veramente ben fatto.

Terzo vino della serata "Heraion" 2016 della Casa Vinicola Cuomo I Vini del Cavaliere, con sede a Capaccio Paestum. I vigneti sono collocati in due punti: in località Moio ad Agropoli e nel corpo principale in via Feudo Vignone, attigui alla cantina. Alla località Moio di Agropoli, sul terreno classico cilentano, flysch calcareo- argilloso, vicinissimo al mare, vengono coltivate le uve che danno vita a questo Fiano DOP Cilento, prodotto in sole 7'000 bottiglie l'anno, che matura in solo acciaio.  Note degustative: Vino molto intenso al naso, sorso gradevole e persistente.

E' stata poi la volta del quarto vino il "Tresinus" 2015 dell'azienda San Giovanni, fondata da Mario Corrado e Ida Budetta. L'azienda sorge a Punta Tresino di Castellabate a picco sul mare dove si trovano i 4 ettari vitati di proprietà. Questo Fiano viene prodotto in sole 3'000 bottiglie l'anno ed affina in solo acciaio. Note degustative: Grande bianco in perfetto equilibrio. Delicato al naso e buona struttura al palato caratterizzato da una grande sapidità.

Ultimo vino della serata il Valentina 2016, prodotto dall'azienda di Alfonso Rotolo. L'azienda sorge a Rutino e conta circa 10 ettari vitati di proprietà. Le due vigne principali si trovano una vicino alla cantina in località Fontana, dove sono coltivate le uve di aglianico e di fiano, e l’altra ancora più su in collina oltre i cinquecento metri di altezza, alla contrada San Rocco dove, tra l'altro, si coltivano le uve di fiano per il cru aziendale Valentina. Questo vino viene prodotto in sole 4000/5000 bottiglie l'anno ed effettua una sosta di pochi mesi in barrique prima di essere imbottigliato. Note degustative: Anche se aperto prematuramente, presenta già un naso complesso ed un sorso avvolgente ben equilibrato tra morbidezza e freschezza. Ottima serbevolezza e componente alcolica (14%) ben integrata nella struttura.

In conclusione possiamo dire che l'assaggio dei cinque vini a base di fiano, di questa serata, ha confermato le grandi potenzialità di questo vitigno, anche fuori dall’Irpinia. Gran bella serata con cinque bottiglie di rilievo.

 

 

Olio in Puglia
Letto 46 volte
Altro in questa categoria: « Il Primitivo in Puglia

Lascia un commento

Invio campioni

Le Aziende che vogliono inviare le schede tecniche e i campioni dei loro prodotti, in modo da poterli degustare e recensire, possono farlo scrivendo al seguente indirizzo email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
La degustazione ed eventuale recensione dei campioni inviati, saranno effettuate a titolo gratuito.Tra i vini pervenuti verranno recensite soltanto le etichette ritenute, ad insindacabile giudizio/scelta del blog, meritevoli di essere segnalate.

Link utili
Vino Campano, il Marketplace delle cantine campane!
 
Vino e Oli, il Mercato del vino e dell'olio!
 
Associazione "Enodegustatori Campani"