Fratello minore (?) del Cenito, è ottenuto da uva aglianico frutto di due vigneti, coltivati nel rispetto dei principi dell’agricoltura biologica, quello storico di Castellabate vicino al mare e quello di Giungano in collina. Dopo la vinificazione in acciaio, con macerazione di circa 10 giorni, il vino viene fatto affinare in barriques usate di secondo e terzo passaggio in modo da non “appesantirlo”. Il Kleos veste il calice di un colore rosso rubino scuro. Al naso sentori fruttati, confettura di ciliege e ribes in primis, e floreali con note di violetta. L’uso sapiente del legno usato si manifesta attraverso delicati sentori di spezie. Al palato è potente, il sorso ben strutturato scalda la gola evidenziando un tannino ancora incisivo. Finale persistente, generoso di rimandi fruttati, Vino di buona struttura, ottimo abbinato all’agnello con patate al forno.

L'azienda Cantina della Volta ha da sempre operato la scelta di una vinificazione/spumantizzazione orientata alla fermentazione in bottiglia. Vino adatto ad essere abbinato ai tanti salumi che, come da tradizione, consumeremo in questi giorni di Pasqua.
Colore rosso rubino brillante poco carico. Perlage fine e durevole. Al naso è fragrante, fruttato di lamponi e fragoline che quasi le puoi toccare, seguite da intriganti note agrumate. Sorso pulito e piacevole dove ritroviamo il frutto e un ottimo equilibrio tra acidità e sapidità. Buona anche la persistenza. Grande Lambrusco e prodotto dall'ottimo rapporto qualità/prezzo.

 

Domenica, 26 Gennaio 2020 20:16

Serata wine Fitness, Aglianico del Cilento

Scritto da

Primo appuntamento Wine Fitness, la palaestra dei sensi degli Enodegustatori Campani, del nuovo anno dedicato all'Aglianico del Cilento.

Il Cilento, è una subregione montuosa della Campania in provincia di Salerno, nella zona meridionale della regione. La zona è limitata a nord dalla catena dei monti Alburni e a est dal Vallo di Diano. Si fa derivare il nome da “cis Alentum” ("al di qua dell'Alento"), anche se il fiume non ne segni più il confine. È una zona molto ampia che attraversa numerosi comuni della costa e dell'entroterra, da Agropoli (roccaforte dei pirati saraceni), a Sapri e poi ancora verso l'interno, al confine con la Basilicata.

Martedì, 08 Ottobre 2019 08:44

Positano Gourmet: a cena con le stelle

Scritto da

di Patrizia Piccolo

Alla "SERRA" dove tutto è perfetto

Positano gourmet è un  iter gastronomico che si tiene da 3 anni alla "Serra", il ristorante stellato Michelin dell'hotel "Le Agavi", fatto di creazioni innovative e gourmet, con assonanze mai banali che celebrano una materia straordinaria lavorata con cura e maestria.

Luigi Tramontano executive Chef della "Serra" ha ospitato per la seconda tappa di Positano Gourmet, lo Chef Romain Barthe dell"Auberge de Clochemerle" di Lione.

Due simboli di unicità celebrati in tutto il mondo, due eccellenze del gusto che anche l'UNESCO ha riconosciuto come patrimoni mondiali. A Napoli lo Champagne abbraccia la pizza per una tappa speciale di “Gli Incontri del Bureau du Champagne LAB”, i seminari di formazione per gli appassionati del più celebre dei vini organizzati dall’ufficio di rappresentanza in Italia del Comité Champagne. L’appuntamento è il prossimo 10 dicembre alle ore 20:30, presso la Pizzeria Fratelli Salvo in Riviera di Chiaia 271.

Martedì, 13 Novembre 2018 15:50

Serata Wine Fitness, Nero d'Avola

Scritto da

Nuovo appuntamento "Wine Fitness", la palestra dei sensi degli "Enodegustatori Campani". La serata, che si è svolta giovedì 8 novembre 2018 presso presso il Salone Damiano di Frattamaggiore, è stata dedicata al vitigno Nero d'Avola, il re dei vitigni a bacca rossa della Sicilia o, quanto meno, quello più conosciuto. Originario della zona di Avola, in provincia di Siracusa, lo troviamo ormai in tutta la Sicilia e in particolare nelle province di Siracusa, Agrigento, Caltanissetta e Ragusa. Come tante altre varietà, è stato introdotto nell’isola ai tempi della colonizzazione greca e conserva memoria delle sue antiche origini nella tradizionale forma d’allevamento ad alberello. Il Nero d’Avola è tradizionalmente chiamato anche Calabrese, anche se non vi è traccia di una sua presenza oltre lo stretto. Pare che il nome Calabrese derivi dal termine calaulisi o calarvisi che stava ad indicare uva di Avola, in quanto formato dalle parole calau, termine dialettale che indica l'uva, e aula, che indica il comune di Avola in siciliano. Si tratta di un vitigno vigoroso e generalmente molto produttivo, è pertanto molto importante controllare le rese per ettaro per produrre vini di qualità. Il grappolo è piuttosto grande, con acino medio dal colore blu molto scuro, con una buccia abbastanza sottile e pruinosa. Vista la sua sensibilità alle muffe, predilige esposizioni asciutte e ben ventilate. Esprime al meglio le sue qualità su suoli poveri e ricchi di calcare, che limitano naturalmente la produzione delle piante.

I dieci anni dello spumante dell'antica Malvasia Greca, un Grignolino "artistico" e la fine della Vendemmia 2018: tre ottimi motivi per far festa all'azienda Casalone viticoltori di Lu Monferrato (Alessandria). L'invito è in cantina domenica 30 settembre, dalle 19, per la presentazione della nuova etichetta del Grignolino storico che riproduce il dipinto «I Canonici di Lu» di Pietro Francesco Guala e lunedì 1° ottobre per la degustazione su invito dell'antico e raro vitigno di Malvasia Greca nelle versioni Metodo Classico, Passito e Bianco.

I Casalone sono una famiglia di Viticoltori che da tre secoli, coltiva la vite nel Monferrato. Capostipite fu Petrus Hieronymus Casalone che arrivò a Lu nel 1734, come colono e vignaiolo dei Marchesi Millo. Oggi l'azienda ha 10 ettari di vigneti e produce 40.000 bottiglie all'anno. È guidata da Paolo e Pier Angelo, anche se papà Ernesto, con i suoi 85 anni, continua a vigilare su lavoro e scelte dei figli. Fu proprio lui, negli Anni 80, sostenuto dalla moglie Maria Luisa Terri, a credere in quella che allora, nella tradizione monferrina, si chiamava Malvasia Greca, oggi iscritta al Registro Nazionale delle Varietà di Viti con denominazione Malvasia Moscata.

Orecchiette per tutti i gusti e in tutte le salse: quelle con mandorle e fichi neri, gluten free, con la percoca, al ragù di cinghiale bianco, con le cozze tarantine fino a quelle tradizionali con le rape.

Inoltre, per dare un ulteriore tocco di originalità, ci saranno anche quelle al vincotto, con bacche di ginepro e con polvere di tarallo.

orecchiette nchiosceQueste alcune prelibate ricette che proporranno i 9 chef protagonisti della settima edizione di Orecchiette nelle ‘nchiosce. Quest’anno il grande evento enogastronomico di Grottaglie (TA), in programma lunedì 6 e martedì 7 agosto, si trasferisce nel famoso quartiere delle Ceramiche con percorsi gastronomici.

Al via dal 18 luglio 2018 "Notte delle lampare" un appuntamento che per ogni mercoledì d'estate vivacizzerà la Costiera Amalfitana. Protagonisti e organizzatori della kermesse i pescatori e le cooperative di pescatori nella rete di Confcooperative FedAgriPesca Campania.

Venerdì, 08 Giugno 2018 16:27

Serata Wine Fitness, Orange Wine

Scritto da

Nuovo appuntamento "Wine Fitness", la palestra dei sensi degli "Enodegustatori Campani". La serata, che si è svolta giovedì 7 giugno presso il Ristorante Pizzeria "La Frasca" di Pozzuoli (NA), è stata dedicata agli Orange Wines, un'occasione per approfondire il tema dei vini prodotti da uve bianche attraverso la macerazione, più o meno, prolungata sulle bucce.

Cosa sono gli orange wine? Quali sono le caratteristiche dei cosiddetti “vini arancioni”?

Giovedì, 10 Maggio 2018 18:09

Serata Wine Fitness sul Carmignano

Scritto da

Ritorna l'appuntamento con "Wine Fitness", la palestra dei sensi degli "Enodegustatori Campani". La serata, che si è svolta giovedì 3 maggio presso il Salone Damiano di Frattamaggiore, è stata dedicata al Carmignano. Il Carmignano è un vino rosso a Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG) prodotto in Toscana. La zona di produzione comprende parte del territorio dei comuni di Carmignano (PO) e Poggio a Caiano (PO), a metà strada tra Firenze e Pistoia, in uno dei più caratteristici ambienti collinari della Toscana, sul versante orientale del Montalbano. Le radici storiche del vino Carmignano sono così lontane da poterlo considerare uno dei vini rossi più antichi d'Italia. A Carmignano si produceva vino fin dall'epoca etrusca, come testimonia il ritrovamento di vasi di vino all'interno di alcune tombe etrusche sul Monte Albano e l’assegnazione da parte di Cesare ai suoi veterani, tra il 50 e il 60 a.C., di alcune terre tra l’Arno e l’Ombrone, coltivate sin da allora a vite. 

Terra di Sapori è un negozio on-line che promuove le eccellenze della Campania, tra cui spiccano le Cilentane. La sua cifra caratteristica è la continua ricerca dell’artigianalità e dell’artisticità del prodotto enogastronomico.

Il progetto di e-commerce, nato nel 2002, quest’anno si è rifatto il look per essere più rapido, efficiente, ammiccante, grazie a ricette e tutorials che aiutano ad usare   il cibo campano: come preparare al meglio la mozzarella o degustare in modo ottimale l’olio extravergine. Soprattutto Terra di Sapori si fa garante della qualità di ogni singolo cibo, osservando e monitorando tutta la filiera di produzione. Solo a prova superata, il prodotto è inserito nello shop on –line.

Invio campioni

Le Aziende che vogliono inviare le schede tecniche e i campioni dei loro prodotti, in modo da poterli degustare e recensire, possono farlo scrivendo al seguente indirizzo email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
La degustazione ed eventuale recensione dei campioni inviati, saranno effettuate a titolo gratuito.Tra i vini pervenuti verranno recensite soltanto le etichette ritenute, ad insindacabile giudizio/scelta del blog, meritevoli di essere segnalate.